Come togliere l’odore dal divano in pelle

Togliere l’odore dal divano in pelle può sembrare molto difficile. Scopri i metodi facili ed ecologici per togliere il cattivo odore dal divano in pelle.

Come togliere l'odore dal divano in pelle Come togliere l'odore dal divano in pelle

Per eseguire una corretta pulizia dell’imbottito, come togliere l’odore dal divano in pelle rappresenta la prima ed irrinunciabile domanda a cui occorre dare una risposta. Manufatto elegante e confortevole che impreziosisce e rende più accogliente la zona giorno di ogni abitazione, il divano in pelle richiede alcuni semplici e veloci accorgimenti per mantenere inalterata la sua bellezza.

Evitare di lasciare il divano all’esposizione diretta alla luce del sole o di lampade, allontanandolo ad una distanza di almeno cinquanta centimetri da fonti di calore come termosifoni e stufe, pulire e nutrire il rivestimento con detergenti non aggressivi rappresentano un ottimo punto di partenza per garantire lunga vita al protagonista del salotto realizzato con un materiale naturale, morbido, traspirante e duraturo qual è la pelle, conosciuta ed apprezzata per la duplice capacità di offrire un livello ideale di comfort in qualsiasi condizione climatica e di trasmettere una piacevole sensazione al tatto.

È inevitabile che gli sgradevoli odori di umidità, di fumo, di muffa e di cibo che talvolta aleggiano nell’appartamento penetrino nel sofà ed è fondamentale intervenire tempestivamente per neutralizzare questi nemici invisibili alla vista, ma decisamente fastidiosi per l’olfatto e soprattutto per il benessere del sofà.

Le strategie migliori per un’igiene profonda del divano in pelle

Due sono le strategie che possono essere messe in campo per garantire un’igiene profonda e per eliminare gli odori che rendono meno piacevoli i momenti di relax o di convivialità trascorsi nel soggiorno.

Se l’odore è tenue e si desidera dare una rinfrescata al manufatto per evitare che quell’odore con il passare del tempo raggiunga gli strati più profondi dell’imbottito, è sufficiente aerare l’ambiente e procedere ad una meticolosa pulizia della superficie.

Per coccolare e per nutrire il vostro divano, basta realizzare una miscela del tutto naturale e non aggressiva mescolando mezzo bicchiere d’acqua e mezzo bicchiere di latte scremato. Passare su tutta la superficie un panno bianco e morbido intriso di questa soluzione detergente, avendo cura di muoversi con delicatezza senza strofinare o grattare. Se, invece, l’odore è intenso, la pulizia deve essere molto approfondita.

Per iniziare e per assorbire il tanfo, si può utilizzare il bicarbonato di sodio, reputato da sempre un elimina odori economico e sicuro. Distribuire uno strato sottile di bicarbonato non solo sul rivestimento, ma anche (laddove raggiungibili) nelle parti interne, come sotto i braccioli o negli angoli del sedile imbottito. Lasciare agire per una notte o, nei casi più problematici, per ventiquattro ore. Trascorso questo lasso di tempo il bicarbonato va eliminato usando, a proprio piacimento, un aspira briciole o un panno pulito: l’importante è rimuoverlo delicatamente per evitare di graffiare la pelle. Il trattamento a base di bicarbonato può essere ripetuto qualora si osservi un’attenuazione, ma non la scomparsa, del cattivo odore.

Per completare questo procedimento, occorre detergere il divano con una soluzione formata da acqua tiepida ed alcune scaglie di sapone di Marsiglia, per poi strofinare con una spugna imbevuta solo di acqua ed asciugare con un panno.

Esistono degli ulteriori accorgimenti, veloci e pratici da porre in essere, che garantiscono longevità all’imbottito, impedendo a quest’ultimo di impregnarsi di odori malsani. La polvere è il primo ostacolo da affrontare per evitare che essa si depositi copiosa sul rivestimento e che penetri all’interno della seduta. Si raccomanda di spolverare tutte le settimane utilizzando un panno molto morbido e di intervenire tempestivamente in presenza di macchie, tamponando con della carta assorbente e lavando la zona con una soluzione a base di acqua e sapone neutro. Infine, per creare una sorta di barriera anti odore, si consiglia l’uso una volta l’anno di una crema specifica protettiva.

Un divano in pelle libero dai cattivi odori in poche e semplici mosse

I cattivi odori, per cause non certo dipendenti dalla volontà dei padroni di casa, possono fare il loro ingresso nell’appartamento che inevitabilmente vengono assorbiti dalla pelle che funge da rivestimento del sofà. Igienizzare questo elemento chiave nell’arredo del living è fondamentale per allungare la vita dell’imbottito, per evitare alterazioni del colore, per scongiurare il rischio della comparsa di antiestetici aloni e per garantire il massimo benessere ai propri cari che potranno rilassarsi nel soggiorno, certi di vivere in un ambiente fresco, pulito e salutare.

Per eliminare gli odori, gli accorgimenti da adottare sono pochi e semplici e possono diventare in modo del tutto naturale parte integrante della routine quotidiana. Altrettanto significativo è il fatto che i prodotti da utilizzare siano di agevole reperibilità e che le procedure da porre in essere non richiedano un eccessivo dispendio di tempo e di energie.

In definitiva, il divano in pelle deve invecchiare senza tradire la sua età. Seguendo step by step le procedure illustrate, si rivela davvero un gioco da ragazzi togliere l’odore dal divano in pelle e a beneficiarne sarà la qualità del vivere nel nido domestico.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.